2017 Luglio

Lo statalismo non solo persegue il suo presunto dominio culturale e politico sulla presenza di Dio nella storia, ma esige anche una pletora di statali fatalmente clientelisti superiore almeno al 50%, proporzionalmente, agli occupati nel settore privato.

L’esplosione nel 2007 della crisi economica mondiale ha prodotto anche una razionalizzazione gigantesca nell’occupazione dei lavoratori riducendo radicalmente i loro posti di lavoro in tutti i settori del privato. Si ricordi, nel frattempo, che la crisi economica, che si era sviluppata progressivamente e per tappe dagli anni ’70, è stata provocata dal crollo della domanda […]

L’allontanamento di Dio dalla vita pubblica ha portato il nostro mondo detto moderno all’apparente vittoria della “selezione negativa”: se tu rifiuti di diventare abbrutito e ben lobotomizzato dal “pensiero unico”, non avrai ciò che viene definito il successo legittimo e proporzionale nella tua vita.

Si può legittimemente non credere nel Dio Trinitario: è tutta la Sua grandezza incommensurabile in relazione alla libertà dell’uomo, il suo suo primo valore! Ma come non riconoscere l’esistenza evidente e diabolica del demonio irrazionale? Il rifiuto di credere in Dio e di seguire le Sue leggi, anche solo naturali, ha come risultato l’affermazione della […]

Il corso di DSC (Dottrina Sociale della Chiesa) dell’arcivescovo di Trieste Crepaldi – il più gran servizio reso al cattolicesimo con il supporto del quotidiano online La Bussola – è giunto a metà del suo percorso: la sua ricchezza e il suo rigore si sono già manifestati in tutto il loro splendore di chiarezza e verità.

“Solo la cultura della DSC e della preghiera allo Spirito Santo – si ripete spesso – possono evitare, apparentemente, lo scisma”. Essa è stata completamente abbandonata o dimenticata da questo pontificato e dai grandi movimenti detti ecclesiali. Era necessario rimetterla all’onore nella sua centralità contro la deriva attuale del modernismo spiritualista e casuista. È anche […]

Quando il sale diventa insipido, bisogna ancor più pregare ma non tacere! Il silenzio è anche invocato dai nichilisti e i laicisti: non si disturbano i conduttori della distruzione della civiltà. Trump, invece, fa un gran intervento, non a Amburgo, ma alla vigilia a Varsavia!

I miei due primi quotidiani italiani online che leggo col mio caffelatte al mattino, La Bussola e Tempi, sono i soli – con un post di Adinolfi su La Croce – ad averne parlato a livello europeo: lo storico intervento di Trump a piazza della Vittoria a Varsavia. I grandi media, che siano cartacei o […]

L’eterna semplicità di come essere oggi cristiani? Con due polarità da riscoprire e da tradurre: innanzitutto ricercare il mistero trascendente dell’Eucarestia vivente e, allo stesso tempo, vivere il concreto del mercato, vale a dire la vera utilità vocazionale del lavoro per gli altri uomini.

La crisi globale della nostra epoca riguarda anche i significati delle parole: bisogna riscoprire le accezioni originali dell’”Eucarestia” e del “mercato”: le due parole chiave di tutta la nostra vita. Vale a dire ciò che si celebra al centro e al cuore nella santa messa cattolica per la salvezza spirituale, e per ciò per cui […]

L’ateismo porta allo statalismo totalitario: la negazione di Dio ritorna al galoppo con l’idolatria più autoschiavistica mai conosciuta. Quella che pretende di uccidere “legalmente” un bebé malato contro la volontà anche dei genitori che hanno pure trovato il denaro per curarlo all’estero!

Ho scritto da vari anni molti articoli, post e libri per denunciare lo statalismo come forma di autoschiavismo, soprattutto ideologico dell’uomo nichilista, detto moderno. Per questo egli è anche diventato masochisticamente dittatoriale con la sua eresia più radicale: quella di negare la sua creaturalità, l’evidenza irriducibile che la vita non ci appartiene. Essa non è […]

Don Giussani nel 1987 parlava ad Assago ad una grande assemblea della Democrazia Cristiana, il partito di riferimento da 40 anni della Chiesa, di tutti i cristiani e del governo in Italia. Perché ora ci si rifiuta anche solo di parlare del partito laico e cattolico Popolo della Famiglia?

Sono nato politicamente non prima di questa mattina e non dispongo di alcun titolo – come invece Ronza, Cesana, Zola o Amicone, tutti attivi appartenenti da una vita a Comunione e Liberazione – di parlare come loro sul discorso del più grande uomo religioso del ventesimo secolo: ammirato e pure seguito da tre Papi (Paolo […]